Venerdì, 17 Luglio 2020 07:56

Torna "Sguardi Italiani", la rassegna abruzzese di cinema all'aperto In evidenza

Scritto da redazione
Vota questo articolo
(0 Voti)

Come ogni estate ad Orsogna, il cinema italiano arriva sotto le stelle con Sguardi Italiani, il progetto estivo di Artinvita - Festival internazionale degli abruzziTutte le domeniche dal 19 luglio al 30 agosto, fatta eccezione del 16 agosto, 6 film del panorama cinematografico Italiano allieteranno le serate estive del pubblico nel cuore del Borgo orsognese.

«Uscendo da questo momento complicato per il mondo intero, è importante tornare a condividere gli spazi, l’arte e la cultura nella realtà, al di là dei social, e sarà importante farlo rispettando gradualmente tutte le norme anti-covid, ma l’esperienza è centrale nella nostra vita e nella nostra crescita sociale, dunque non possiamo non trovare soluzioni per tornare ad emozionarci direttamente a contatto con l’arte».

A dichiararlo il Direttore Artistico di Artinvita Marco Cicolini, che assieme ai suoi amici Riccardo Taraborrelli e Nicola Bucci, tre anni fa, ha avviato il progetto Sguardi Italiani. Sei titoli, sei film, per uno spaccato del cinema italiano che si racconta attraverso la regia dei suoi pilastri e quella delle nuove generazioni. Una rassegna, quella che andrà in scena, che rappresenta l’ennesimo tassello culturale realizzato grazie al lavoro del Festival Internazionale degli Abruzzi che si conferma così una forza giovane e prorompente nel panorama culturale abruzzese. Ad inaugurare la manifestazione, domenica, sarà l’ultimo film di Marco Bellocchio, Il Traditore, che l’anno scorso ha rappresentato il nostro cinema nel mondo partecipando agli Oscar. Tra i titoli dei più giovani, invece, le nuove commedie romane Bangla e La profezia dell’armadillo, film ispirato al noto libro del fumettista Zerocalcare. Il film Aspromonte invece ci porterà in Calabria con Sergio Rubini, Valeria Bruni Tedeschi e Marcello Fonte. Spazio anche ad uno dei più grandi innovatori del linguaggio cinematografico Italiano, Pietro Marcello, che grazie al film Martin Eden ha fatto portare a casa al suo attore protagonista, Luca Marinelli, la Coppa Volpi alla scorsa Biennale di Venezia. In ultimo la visionaria commedia L’uomo che comprò la luna con Francesco Pannofino.

Se da una parte il cinema è sogno, è anche vero che spesso la sua magia è quella di riuscire a mostrarci la realtà attraverso una narrazione che ci permette di guardarla da un punto di vista cui, nella nostra quotidianità, non siamo abituati. Ci permette di fermarci su particolari, su pregi e difetti delle nostre esistenze: è il palcoscenico delle nostre emozioni e valorizzare il cinema italiano significa proprio ritrovarle nella propria realtà. Ed è proprio la costante ricerca delle emozioni che si nasconde dietro ogni iniziativa di Artinvita.

Progetto senza titolo 10 min

Tutte le proiezioni saranno precedute da cortometraggi di giovani registi italiani premiati nell’ultima edizione di uno dei concorsi nazionali più importanti per quanto riguarda i nuovi talenti nazionali: la Biennale MArteLive di Roma.

La rassegna è organizzata dall’associazione Insensi in collaborazione con CiackCity Cinema che da quest’anno sarà partner anche del Festival Artinvita per il progetto Balkan Cinema Express che porta in Abruzzo i migliori talenti del cinema Balcanico valutati da una giuria composta dai ragazzi delle scuole del territorio con il sostegno del MIUR e del MIBACT. A causa del Covid-19 Artinvita quest’anno è stato posticipato a settembre e si svolgerà dal 18 settembre al 04 ottobre!

Tutte le informazioni sulla Rassegna e sul Festival si possono trovare sui social Instagram e Facebook @artinvitafestival e sul sito www.artinvita.com.

Letto 1175 volte