Lunedì, 20 Febbraio 2012 22:13

Fabrizio Bosso

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
C'è solo una parola che possa definire quello a cui abbiamo assistito il 18 febbraio: S-P-E-T-T-A-C-O-L-O. E la parola deve essere scandita bene e lentamente per poterlo distinguere e alzarlo al giusto livello.



Una performance orchestrale che, a mia memoria, ha ben pochi rivali (naturalmente nel campo della musica jazz, non stiamo parlando di classica !!!). Bosso e la I-orchestra, condotta sapientemente dal maestro Stefano Fonzi che ha curato anche gli arrangiamenti, ci immergono nelle atmosfere musicali da film del maestro Nino Rota, riportandoci alla mente quei ricordi che ci hanno fatto commuovere anni addietro.
E così si passa dai temi del Padrino, arrivando  alle colonne sonore che il compositore scrisse per i film di Fellini di maggior successo. Melodie che ormai fanno parte del nostro quotidiano e che rendono l'esibione in un contesto quasi familiare. Meraviglioso!

I-Orchestra
Stefano Fonzi direttore
Fabrizio Bosso tromba, flicorno
Claudio Filippini pianoforte
Rosario Bonaccorso contrabbasso
Lorenzo Tucci batteria

Daniele Rotondo
Foto di Daniele Rotondo
Letto 2710 volte
Altro in questa categoria: « Jovanotti Antonella Ruggiero »