Mercoledì, 24 Giugno 2009 07:31

I Ratti della Sabina _ Va tutto bene

Scritto da Federica Cardia
Vota questo articolo
(0 Voti)

i-ratti-della-sabina-artwork-cover-va-tutto-bene-2009-300x300CD MUSICA- Tra Va tutto bene e A passo lento non c'è solo una distanza temporale di appena due anni, ma anche un lungo e ragionato percorso di sperimentazione che, traendo ispirazione dalla matrice stilistica originaria, tutta protesa sul folk e sulle sue svariate declinazioni, ha portato i Ratti della Sabina a esplorare i territori del rock, mantenendo comunque forte e inalterato il legame con la tradizione.


In due anni di attività ne è passata di acqua sotto i ponti, e si sente. Nonostante alcuni pezzi rimangano saldamente ancorati alle linee melodiche del passato (vedi ad esempio "Eccomi qua" e "Una strana logica"), gran parte del lavoro mette in luce uno stile in continuo cambiamento, perennemente in bilico tra sperimentalismo e pacato gusto poetico. E se molte tracce si distinguono per l'introduzione di elementi e sonorità che ricordano i più classici esempi storici del rock (basta ascoltare "Oggi io" per riconoscere strutture, variazioni e modelli decisamente rockeggianti) alcuni brani si ispirano, senza troppi preamboli, a certe divagazioni melodiche tendenti al progressive o a qualche non meglio definita categoria collocabile nelle estreme periferie del genere rock. Questo è il caso di "Qualcosa di interessante", un brano pieno di energia, pur velato da un sottile strato di malinconico disincanto, che parte con un riff di chitarra elettrica quasi spiazzante.
Se vogliamo essere critici e puntigliosi avrei evitato alcune scelte un po' campate per aria, come l'inserimento di un brano come "Piccolo principe" che non aggiunge niente di nuovo al lavoro, al massimo una spolverata di zucchero a velo.

Per tirare le somme: Va tutto bene è un disco maturo e ricco di nuovi spunti artistici, ironico e sognante ma allo stesso tempo saldamente ancorato alla realtà concreta. Un lavoro originale e deciso che, pur seguendo la via della sperimentazione, non mette mai in pericolo la particolare identità del gruppo.

www.rattidellasabina.it
www.myspace.com/rattidellasabina

Tracklist
1. Eccomi qua
2. Un Po' di Sole
3. Qualcosa d'interessante
4. Quante volte
5. La banda
6. Sette Stelle
7. Piccolo Principe
8. Sarà per questo
9. Una strana logica
10. Oggi io
11. Tra la luna e la schiena

I Ratti della Sabina sono:
Roberto Billi: voce, chitarra acustica
Stefano Fiori: voce, chitarra acustica
Eugenio Lupi: chitarra elettrica
Alessandro Monzi: violino
Alberto Ricci: fisarmonica
Paolo Masci: bouzouki
Valerio Manelfi: basso
Carlo Ferretti: batteria

Letto 2478 volte