Lunedì, 03 Agosto 2020 10:56

Aria, il nuovo video dei Parabola con Ghilli Prati In evidenza

Scritto da redazione
Vota questo articolo
(3 Voti)

Il 22 luglio è uscito su tutte le piattaforme il nuovo singolo dei Parabola "Aria" in featuring con il polistrumetnista Ghilli Prati che ha impreziosito l’opera con melodie di cornamusa scozzese, violino e Irish low whistle. Il video diretto da Samuele Dalò è disponibile su Youtube.

A qualche di distanza dall'apprezzato singolo d'esordio "Smeraldo", torna la band milanese Parabola con un nuovo brano che, con il suo video home made, racconta le difficoltà degli ultimi mesi, figlie dell'emergenza sanitaria e del lockdown. Perché dunque "Aria"? Qui la spiegazone della band: 

"Ci accomuna tutti, la fame d’aria; la voglia di essere presenti in questo piccolo angolo di universo. Ci commuove pensare a quanto siamo piccoli ma allo stesso tempo il nostro grido di vita risuoni così intensamente. Per un istante abbiamo avuto l’impressione che la potenza e il miracolo della nostra esistenza siano stati percepiti universalmente, che l’intero mondo abbia aperto gli occhi davanti alla fugacità del tutto. L’idea di scrivere questo brano ci ha emozionati fin da subito. Abbiamo deciso di realizzare un video semplice, dal sapore home-made, girato tra le quattro mura domestiche. E’ stata forte la voglia di lasciare un’impronta, la nostra impronta, in un momento storico unico e irripetibile. E’ vero, tanti artisti hanno fatto lo stesso, ma è giusto che ognuno abbia la libertà di esprimere il proprio punto di vista, di descrivere quello che ha passato, le sensazioni che ha provato o quello che questa situazioni gli ha insegnato. E poi - piccola parentesi - anche la tematica dell’amore viene continuamente riproposta ogni giorno, da secoli e secoli, e le argomentazioni non sono ancora concluse!! L’arte è infinita, e ringraziamo il cielo per questo."

Qui il video!

 

BIO PARABOLA

I Parabola nascono con il nome originario di Reminders nell’estate 2012, dalla collaborazione tra una giovane donna amante della poesia e tre ragazzi figli del metal, nella provincia di Milano. Un mix bizzarro che si rivelerà con grande sorpresa fruttifero.Nei primi anni collezionano decine di concerti nei principali locali milanesi, condividendo il palco con numerosi artisti della scena underground, tra cui gli Atlas Pain.

Scrivono brani alternative rock/metal dapprima in lingua inglese, successivamente e definitivamente in italiano.
Infatti nel 2019, a distanza di ben 7 anni dalla loro primordiale unione, forti di una formazione consolidata, si ribattezzano ed intraprendono un nuovo percorso artistico, in cui teatro e poesia si intrecciano con le atmosfere del metal. Le tematiche dei brani, perlopiù a sfondo sociale, etico-morale e sentimentale, prendono vita sul palco attraverso una messa in scena studiata nel dettaglio. Brevi momenti dedicati a racconti, poesie ed aforismi sono la tela su cui si tesse lo show.

 

Letto 1033 volte