Giovedì, 04 Dicembre 2008 01:00

Good Cafe': wine bar e non solo...

Scritto da Ilenia Polsinelli
Vota questo articolo
(0 Voti)
[DIMODA & DEMODE']

ileniapolsinelliAppena entri al Good Caffè, via di Santa Dorotea 8/9, nel cuore di Trastevere si ha immediatamente la sensazione tipica di quei luoghi dal fascino unico, tipico di un quartiere che parla di tradizioni e di vera e propria cultura romana. Vineria storica (fonti certe dichiarano risalga al lontano ‘500), il tempo non ha certo scalfito l’immagine originaria, che la nuova gestione ha cercato di preservare. All’entrata i clienti vengono subito colpiti dalle arcate in pietra viva le quali trasudano l’identità di questo locale.

Fresco di nuova ristrutturazione, il 15 ottobre il Good Caffè ha inaugurato la nuova gestione di Giuseppe Coretti, già proprietario del Fontanone. Molte le novità, decisamente interessanti. Innanzitutto non è certo un semplice Wine Bar, già la location, assolutamente lussuosa e invitante rende l’ambient accogliente e rilassante. Nella sala principale poi, la nuova gestione ha ricavato un piccolo palchetto, alle spalle del quale c’è una grande vetrata dalla quale è possibile continuare a godere la visuale di uno dei vicoletti trasteverini adiacente il locale. Tutto questo rende lo scenario molto affascinante al cliente che si trattiene sorseggiando un buon calice di vino mentre ascolta musica live. Ebbene sì, il Good ha ampliato l’offerta, decisamente di qualità, perché non vuole essere solo luogo di degustazione di vini di un certo livello, ma offre anche una settimana piena di intrattenimenti artistici.

Grazie all’audacia e ad un pizzico di estrosità di Andrea Clapier, direttore artistico del locale, è possibile in ogni giorno della settimana, assistere a svariate forme di spettacoli artistici, come ad esempio la giornata del martedì, il Good Fashion Night, serata della moda con giovani stilisti provenienti dall’accreditato Istituto di Moda e Design, dalla Sapienza e dall’Accademia di Moda e Costume di Lungotevere. Durante la serata è possibile assistere a sfilate di moda, piuttosto che ad esposizioni di creazioni artistiche. Insomma l’arte e la creatività vengono messi in primo piano.

Il mercoledì, Art at Good, dedicato alla visual art, alle istallazioni, alla fotografia e ai cortometraggi. Mentre il giovedì è dedicato alle Good Performance, il locale si trasforma per una sera in un palcoscenico dove cabarettisti, istrioni, prestigiatori, teatranti innovativi regalano allegria e svago alla clientela. Il venerdì è la serata del Live concert, band romane e non, si alternano nel caratteristico palchetto esibendo musica live di vario genere.

Le innovazioni artistiche sono caratterizzate da una eccellente sinergia, ed è proprio su questo che punta il Good.
Un’altra novità è l’ "American Breakfast", la colazione all’americana. Fino alle 14.00 di ogni giorno è possibile fare una ricca colazione, che per noi europei potrebbe tranquillamente trasformarsi in una sorta di lunch. Fino ad arrivare agli ormai famosi aperitivi-buffet. Infatti dalle 19.00 alle 22.00, è possibile oltre che gustare un buon vino, accompagnarlo con ricchi buffet messi a disposizione sul bancone proprio all’entrata. Tra poco tempo verranno anche introdotti i "Finger Food", cioè “cibo che si prende con le mani”. Sarà possibile trovare miniporzioni di vera e propria arte culinaria tipo, cucina Tai e Libanese.
Ma la serata non finisce certo qui, perché oltre alla possibilità di sorseggiare ottimi vini di alta qualità al bicchiere, il Good offre una variegata fantasia di coktail di frutta fresca, come mirtilli, more, maracuja.
Insomma, chiunque volesse passare una piacevole serata, rilassante ma allo stesso tempo particolare, innovativa, con quel tocco artistico che la rende piacevolmente interessante, in una cornice come quella che solo Trastevere sa regalare, non deve far altro che girare l’angolo di piazza Trilussa e lasciarsi andare tra un bicchiere di vino, una buona cucina, ma soprattutto alla curiosità che il Good Caffè soddisferà ampiamente. Mie fashion victimes voi non potete di certo mancare, no?

Letto 2624 volte