Venerdì, 06 Maggio 2011 09:37

MUSICA EMERGENTE_ Emerge la musica!

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

L’Alpheus è plaura.fioravanti-primomusicaemergente_4ronto all’ondata d’arte emergente della prima serata delle semifinali del MArteLive. Le luci sono già basse. Si attaccano gli ultimi cavi alle casse, le ballerine si riscaldano e nei corridoi, tra origami e stoffe, sono già tutti in moto. Il primo colpo di chitarra. E ora sì, l’arte può cominciare…

Il primo a salire sul palco degli artisti emergenti, tra ovattate lucine effetto albero di Natale, è Rhò. Al secolo Rocco Centrella, one-man-band che, con un alquanto discreta maschera rosa, dà una personalissima e singolare interpretazione al rapporto voce-elettronica: folk dalle più estreme frange pop e sperimentazione –  tra tamburo, campionatore e chitarra –  che si confonde col gioco d’azzardo.

Un cambio palco, mentre le esibizioni dei gruppi in gara per la danza ipnotizzano tutti, e si ritornalaura.fioravanti-secondomusicaemergente_5 sulla musica sterzando completamente genere. Tocca, infatti, a Le Scarpette Rosse (Adele Tirante e Kristiana Giustini), duo chitarra e voce di un cantautorato che sa di sonorità d’altri tempi. Creatività sul palco che usa tutto ciò di cui dispone per “fare” musica. E allora le percussioni possono trovarsi anche in ventagli, giocattoli, scodelle di metallo, calimba e sbalzi funambolici di ritmiche.

laura.fioravanti-terzomusicaemergente_1Si passa, poi, al rock ben strutturato, forte e aggressivo dei Moseek. Tre menti e tre strumenti –  Elisa Pucci (voce e chitarra), Fabio Brignone (basso) e Davide Malvi (batteria, sequencer) –  che si incastrano perfettamente in una grinta sul palco che fa scintille. Elettronica e rock si fondono in personalità finemente delineate, occhiate di intesa e colpi di scena. Ed è sul rock che continua a delinearsi la serata.

Prima i Runa Raido, Marco Vallecoccia e Alessandro Vona alle chitarre e ad alternarsi alla 3-05-11_musicaemergente_runaraido5voce, Letizia Gaetani (basso) e Gianluigi Nocella (batteria) che, con spettri melodici e riff potenti, filtrano canzone d’autore e rock pop, attraverso una tradizione tutta italiana e con un’attenzione particolare alla valorizzazione e all’espressione di difficili stati d’animo.

A chiudere è il sound dei Jaguanera, Andrea Bellassai (voce),  Luigi Leonio (chitarra), Renzo Manuel Possanzini (basso), Giuseppe Borrelli (batteria). Fuori da etichettature soprattutto perché ne abbracciano tante: elettro, brit rock e new wave. Stile indie e un suono tondo che a tratti graffia lievemente di punk. E 3-05-11_musicaemergente_jaguanera3tocca a loro, sfrontati, divertiti ma professionali sul palco, a sventagliare le ultime scariche elettriche, a dimostrare qualità (e l’aria snob degli occhiali da sole di Andrea in simil Liam Gallagher) e, cattivi quanto basta, ad augurare la buonanotte al popolo dei marteliver.
La prima serata è volata via velocemente, non ci resta che aspettare il prossimo riff…

Emiliana Pistillo

Letto 2432 volte Ultima modifica il Venerdì, 06 Maggio 2011 13:27