Martedì, 08 Settembre 2020 07:42

Balcone in Musica non si arrende all'emergenza, a Nettuno vince la solidarietà In evidenza

Scritto da redazione
Vota questo articolo
(0 Voti)

Arte, spettacolo e solidarietà: sono queste le parole chiave del Festival “Balcone In Musica” che il 4 e il 5 settembre 2020 ha realizzato la sua VII edizione, nonostante le enormi difficoltà legate all’emergenza sanitaria. Per la prima volta lontano dall’iconico balcone di Piazza Colonna, il festival si è spostato temporaneamente all’interno del Teatro Studio 8 di Nettuno, dove ha dato vita a un’edizione ricca di eventi di altissima qualità: 4 spettacoli di musica, teatro e danza, e ben 7 enti ospitati per raccontare e sensibilizzare sulle tematiche sociali più attuali.

Grazie al sostegno della Fondazione Porfiri, del Comune di Nettuno e con il patrocinio della Regione Lazio, il Festival Internazionale dell’Arte e della Solidarietà, ha portato a Nettuno per due giorni un programma vario e artisticamente valido: si è iniziato venerdì 4 con il Trio Monti e i loro stornelli romani, per arrivare al “tamburo rosso” di Valentina Ferraiuolo, capace di sensibilizzare con la sua musica sulla tematica sempre attuale della violenza sulle donne. Il 5 settembre è stato il turno del caratteristico “teatro dei piedi” di Monsieur David accompagnato dai Liberi Teatranti, per chiudere infine con il concerto di musica etnica e popolare di Indaco Project.

valentina ferraiuolo in scena

Tutti gli eventi proposti hanno avuto una doppia valenza artistica e umanitaria, ospitando di volta in volta una diversa associazione di volontariato o ONLUS per raccontare al pubblico le proprie attività solidali e umanitarie. Gli enti coinvolti per questa edizione sono stati Villa Miramare per i suoi 110 anni di attività, ass. Promo Civitas, ass. La Piccola Nazareth e Tamburo Rosso, Ass. ANDOS e IBIS, la Fondazione Porfiri.

Grande soddisfazione della direttrice artistica e ideatrice Maria Augusta Pannunzi: “L’arte per noi è un veicolo per condividere valori umani e sensibilizzare su tematiche sociali troppo spesso ignorate. L’obbiettivo di questa VII edizione così particolare è stato raggiunto grazie alla partecipazione numerosa e attenta del pubblico, che ha ascoltato con interesse gli interventi delle associazioni ospitate. La nostra speranza è quella di tornare presto a diffondere cultura e sensibilizzazione sociale dal balcone di Piazza Colonna che per anni è stato più che un palcoscenico, una vera e propria casa”.

L’appuntamento dunque è per il prossimo anno, con l’augurio di tornare nel centro del borgo storico di Nettuno, portando liberamente a tutti arte e solidarietà dall’alto di un balcone.

Si ringraziano i partner: Fondazione Porfiri, ass. Liberi Teatranti e Giampiero Bonomo, i Mecenati della Cultura Father Joe Orlandi e Bob Padula, ass. IBIS con Ferdinando Fornaro per le scenografie e per le opere d’arte in esposizione.

Grazie anche allo staff del Teatro Studio 8, Giampiero Bonomo e Francesco Ruggirello, Andrea Pannunzi (webmaster).

CONTATTI:

www.balconeinmusica.it
www.associazioneshara.it
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 446 volte